Vincenzo Cosentino porta “Handy” al cinema grazie a kickstarter

Vincenzo Cosentino può dire a pieno titolo di essere uno dei giovani siciliani capaci di emergere con forza per le proprie capacità, anche senza dover scendere a compromessi di natura economica. Il giovane regista siciliano, laureato in Economia ed emigrato in Australia per studiare cinematografia e poter un giorno sperare di lavorare mettendo in campo la sua vera passione, si era già fatto notare vincendo a Cannes nel 2008 un premio con un corto dal titolo “The Flip trip”: cosa che non lo aveva lasciato per nulla soddisfatto. “Non sopportavo l’idea che la gente si ricordasse di me per quel prodotto che avevo realizzato a una bassissima risoluzione e in poco tempo, sebbene avessi indovinato cosa la giuria si aspettava da quel concorso”, sono state le parole testuali del regista, che durante la notte stessa successiva alla vittoria del premio aveva iniziato a maturare nella testa l’idea di un nuovo progetto da realizzare a basso costo, sfruttando l’idea del crowfunding sulla piattaforma del kickstarter (siti web di finanziamento collettivo per progetti creativi) per poter trovare i fondi per portare al cinema quello che per lui è il progetto di una vita intera.

È nato così un lungometraggio intitolato “Handy” che ha come protagonista una mano che si stacca dal corpo del suo padrone. Perché proprio la mano? La mano rappresenta un simbolo, un mezzo con cui ci aiutiamo nella vita di tutti i giorni, con cui ci aggrappiamo per non cadere, con cui diamo una mano agli altri, con cui colpiamo per difenderci o per farci del male. La mano può essere simbolo di molteplici cose e Cosentino ha spiegato di voler lanciare un messaggio specifico con il suo lavoro, un messaggio di pace. Affinchè quella mano possa indicare aiuto, solidarietà, e non divisione e separazione. La lavorazione del film è cominciata con delle prove “casalinghe” effettuate con un cellulare Nokia N70, del nastro adesivo ed una sedia, con cui il regista ha provato vari metodi con cui simulare il distacco della mano da un corpo umano. La mano protagonista, nel film, cercherà di ottenere il successo rispetto alla gemella rimasta attaccata al corpo del proprietario grazie all’aiuto di un personaggio, interpretato gratuitamente dall’attore Franco Nero.

Maria Mento

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Facebook
Google+
https://etnaeventi.it/2017/02/08/vincenzo-cosentino-porta-handy-al-cinema-grazie-a-kickstarter/
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *