Teatro Coppola, il 14 e 15 aprile “voleranno” gli “Aquiloni” di Nicola Alberto Orofino

L’imminente fine settimana che precederà la domenica di Pasqua propone, nel panorama degli spettacoli teatrali offerti dai vari teatri catanesi per questo mese di aprile, la prima assoluta di una performance teatrale che sarà diretta dal giovanissimo regista Nicola Alberto Orofino. “Aquiloni” è il titolo di quest’opera che sarà replicata per due serate, venerdì 14 e sabato 15 aprile 2017, al Teatro Coppola di Catania (ingresso con sottoscrizione volontaria ed inizio degli spettacoli ore 21:00). I protagonisti della rappresentazione saranno gli attori Francesco Bernava ed Alice Sgroi (anche ideatori dello spettacolo, oltre che interpreti), portati in scena grazie al lavoro di Giada Caponetti (assistente alla regia), Arsinoe Delacroix (scenografa), Laura Lucia Lazzaro (costumista), Giuseppe Pomidoro (scenografo costruttore), Luca Giannone (addetto luci), Gianluigi Primaverile (fotografo di scena) e Roberta Incatasciato (suo è il progetto grafico). La produzione dello spettacolo si deve ad una collaborazione realizzata tra MezzARIA e SenzaMisuraTeatro.

La trama di “Aquiloni”. Francesco Bernava ed Alice Sgroi sono gli attori che vestono i panni dei due protagonisti di questa storia. Due personaggi antitetici e due diversi “tipi umani”, incarnanti effettivamente alcune delle caratteristiche e dei ruoli societari che spesso siamo abituati a riconoscere nella nostra comunità umana. Francesco è Salvatore, detto Salvo. Costui è un uomo nullafacente che non ha voglia né bisogno di lavorare: come il fortunatissimo Gastone dei fumetti, che si ritrova tra le mani ogni tipo di ricchezza senza dover far nulla, Salvatore trova il denaro che gli è necessario ogni giorno, semplicemente camminando per la strada. La vita di Salvo, come se non bastasse, presenta una seconda particolarità, che riguarda da vicino la sua famiglia; sua madre, infatti, è una suora e lui vive in convento. Dalla parte veramente opposta della barricata troviamo Maria, detta Maddy, il cui personaggio viene incarnato da Alice. A differenza di quella di Salvatore, la vita di Maria è da sempre stata difficile ed in salita: prostituta di mestiere, ha abbandonato una figlia di nome Angela. La sua vita si divide tra il suo amore per la musica e le storie dei suoi clienti che diventano il riempitivo delle sue giornate. Aquiloni è la storia dell’incontro tra questi due mondi (il sacro e il profano) che sembrano così opposti, quello di Salvo e Maria, da non potersi incontrare mai e che in realtà ci richiamano alla mente altri incontri memorabili che sono avvenuti in letteratura, in musica e  nella storia. Memorabili proprio perché avvenuti tra persone assolutamente impensabili. Quest’uomo e questa donna nascondono un emozionante e doloroso segreto: ecco che Salvo e Maria diventano, nell’immaginario del regista, due aquiloni, volando in cielo leggeri ed, allo stesso tempo, rimanendo legati alla terra tramite un sottile ed invisibile filo che li unisce e li rende, loro malgrado, più pesanti del vento da cui vorrebbero essere portati via.

Nicola Alberto Orofino è un attore e regista teatrale che ha iniziato a muovere i primi passi su un palco teatrale nel 1999 (lo spettacolo in questione era la “Cantatrice Calva”, rappresentato al Piccolo Teatro di Catania). Ha iniziato a frequentare, nello stesso anno, la Scuola del Piccolo Teatro di Milano- Teatro d’Europa, fondata da Strehler, dove ha avuto la possibilità di lavorare con artisti della levatura di Luca Ronconi e di Mariangela Melato. Tantissime sono state e sono le sue collaborazioni celebri, da Vincenzo Cerami, Nicola Piovani e Gigi Proietti (con i quali porta in scena “Socrates” nel 2000) a Franco Zeffirelli (“Aida” nel 2001), ed ancora da Peter Stein (“Tatjana” al Teatro alla Scala di Milano) ad Augustì Humet (“El otro el mismo”, realizzato con una collaborazione tra artisti di teatro scelti a livello europeo). La sua cooperazione con Gianni Salvo ed il Piccolo Teatro di Catania, luogo del suo inizio felice nel mondo della finzione scenica, ha avuto inizio nel 2004. Nel 2009 ha collaborato con l’Università di Princeton e con l’Istituto di Cultura Italiano di New York. Oltre ad essere attore e regista, Nicola Alberto Orofino si occupa anche di organizzare e dirigere laboratori teatrali e corsi di aggiornamento in molte località d’Italia, tra cui (ovviamente) la sua amata Catania.

Per la locandina

Maria Mento

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Facebook
Google+
http://etnaeventi.it/2017/04/12/teatro-coppola-il-14-e-15-aprile-voleranno-gli-aquiloni-di-nicola-alberto-orofino/
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *