Al Teatro Verga va in scena un must della storia cinematografica: “Profumo di donna”

Verrà replicato esattamente per dieci serate lo spettacolo “Profumo di donna” in programma al Teatro Verga di Catania dal 31 marzo al 9 aprile 2017 (orario di inizio ore 20:45 circa). La scrittura teatrale figura nel palinsesto annuale della stagione 2016/2017 del Teatro Stabile. Gli interpreti che calcheranno la scena sono Camillo Grassi, Andrea Monno, Claudia Portale, Sara Scotto di Luzio e Franco Silvestri. Il ruolo di protagonista e di regista sono affidati alla bravura ed all’esperienza di un grande attore di cinema e di teatro: Massimo Venturiello. Le musiche, i costumi e le scene sono rispettivamente di Germano Mazzocchetti, Sabrina Chiocchio e Alessandro Chiti. La storia che questi artisti narreranno sul palcoscenico trae la sua trama da un famoso libro scritto nel 1969 da Giovanni Arpino.

Il buio e il miele” è il titolo di questo romanzo, scritto quasi mezzo secolo fa, da cui è stata tratto l’intreccio della rappresentazione scenica. La pubblicazione ha riscosso talmente tanto successo da divenire spunto per due produzioni cinematografiche: una italiana (“Profumo di donna”) diretta da Dino Risi ed interpretata da Vittorio Gassman, ed una straniera (“Scent of woman”) con Al Pacino e con la regia di Martin Brest.

La trama dell’adattamento teatrale. Il viaggio è, ancora una volta, il protagonista di una composizione letteraria ed ancora una volta non si parla di viaggio solo in senso fisico: il viaggio è soprattutto metaforico e porterà pian piano alla scoperta della natura interiore del protagonista della vicenda, un uomo pieno di livore e abituato a nascondere il suo dolore e la sua solitudine dietro al suo comportamento duro e sprezzante (reso sicuramente tale anche dall’addestramento militare e dall’alta carica ricoperta). Un giovane soldato, durante un periodo di congedo premio, si ritrova infatti a dover accompagnare un capitano in pensione, Fausto, rimasto cieco a causa di un’esplosione accidentale, durante il viaggio in treno che lo condurrà da Torino a Napoli. Il capitano ha deciso di partire per andare ad incontrare un vecchio amico, anch’egli rimasto cieco.

Durante il tragitto i due compagni d’avventura faranno due soste, una a Genova ed una Roma; a Genova il capitano avrà un incontro (organizzato dal suo accompagnatore) con una prostituta, mentre a Roma incontrerà un suo cugino sacerdote con cui avrà modo di parlare della sua condizione di menomanza. Una condizione che Fausto non ha affatto accettato e che lo rende insofferente, anche alle stesse persone che posseggono il suo stesso handicap fisico. Allora per quale motivo il nostro protagonista sta andando a trovare l’amico cieco? Che ci sia una ragione ben più profonda oltre all’amicizia? E per quale motivo Fausto ha deciso di portare con sé una pistola? Nell’ultima parte della storia, ambientata a Napoli, il pubblico avrà le risposte a tutti i quesiti non senza rimanere spiazzati da impensabili risvolti.

Massimo Venturiello è l’artista che presterà il volto e le sue emozioni al nostro protagonista Fausto. È un grande attore di televisione e teatro, regista e anche doppiatore. Ha esordito al cinema nel 1987 con un film diretto da Ettore Scola (“La famiglia”), e ha poi lavorato con grandi registi come Giuseppe Bertolucci, Carlo Vanzina, Gabriele Salvatores, Gianni Costantino e Sergio Rubini. Venturiello è stato spesso uno dei protagonisti di fiction televisive che lo hanno visto interpretare ruoli da vero “cattivo”, come “Distretto di Polizia 6” (2006), “Il peccato e la vergogna” (2010), “L’onore e il rispetto” (2015) e “Il sistema”(2016). Da doppiatore ha prestato la sua voce a molti attori (per esempio Dennis Quaid) e ad un personaggio che è rimasto famoso per la sua “cattiveria simpatica”: Ade, nel celebre film d’animazione “Hercules”.

Per la locandina

Maria Mento

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Facebook
Google+
http://etnaeventi.it/2017/03/31/al-teatro-verga-va-in-scena-un-must-della-storia-cinematografica-profumo-di-donna/
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *