Littorina Social Tour: un suggestivo viaggio fino all’affascinante Borgo di Randazzo

Sabato 8 aprile, dalle ore 9:00 alle ore 19:30, Sharing Sicily propone il 1° Littorina Social Tour: un’occasione unica per conoscere nuova gente e fare un’esperienza autentica, mirata alla riscoperta del territorio locale, ricco di storia e di emozioni, ed in cui, grazie all’associazione Yaller Sicilia, l’incontro e la passione per il territorio si sposerà perfettamente con la fotografia.

Il tour prenderà avvio dalla Stazione “Catania Borgo” e condurrà i suoi partecipanti lungo un suggestivo viaggio, durante il quale un rappresentante di Ferrovia Circumetnea racconterà la storia della littorina, mentre un cantastorie ed artista locale darà il giusto sottofondo musicale. La destinazione da raggiungere è il bellissimo borgo medievale di Randazzo, una volta raggiunto il quale l’autoctono Angelo racconterà ai passeggeri tutti i miti e le leggende che questo paese così vicino al cielo nasconde al suo interno, vivendolo attraverso gli occhi di chi calpesta quotidianamente le sue strade.

Successivamente, presso l’antica bottega randazzese Il Buongustaio” verrà gentilmente offerta una degustazione di benvenuto di prodotti tipici locali e, per chi volesse, anche la possibilità di pranzare con prodotti d’eccellenza a prezzi modici (panino con prodotti tipici siciliani euro 2, bibite euro 1, vino euro 2,5). Terminato il pranzo, sarà il momento di un’ottima pausa caffè all’interno di uno dei bar storici di Randazzo, così da poter scambiare, fra un chicco e l’altro, quattro chiacchiere e condividere pensieri e scatti insieme.

Nel pomeriggio, è prevista la visita presso la Casa della musica e la Liuteria, all’interno della quale i partecipanti potranno ascoltare il suono antico di circa 60 strumenti musicali medievali che, grazie ad un musicista d’eccezione e d’esperienza ci racconteranno la loro storia che viaggia nel tempo. Per tutti coloro che non fossero interessati a tale esperienza, ci saranno altrettante numerose valide alternative: chiese, strade antiche e l’affascinante centro storico di Randazzo sapranno tenervi compagnia e spingervi ad imboccare strade sconosciute, ricercando bellezze pronte per essere immortalate in uno scatto mozza fiato. Alle ore 17:30 la littorina ripartirà dalla stazione di Randazzo per riportarci a “Catania Borgo”: arrivo previsto per le ore 19:30.

L’associazione Yallers in occasione dell’evento lancerà un contest su Instagram con l’hashtag #littorinayallerssicilia e premierà i primi tre classificati con le t-shirt ufficiali e con la pubblicazione della foto migliore sui profili @yallersworld e @yallersitalia.

Il costo di partecipazione è di euro 15 per adulti e 10 euro per bambini sotto i 10 anni, e comprende:

  • Viaggio andata e ritorno con la littorina ( euro 9.10);
  • Tesseramento annuale all’associazione “Sharing Sicily”;
  • Degustazione gratuita di benvenuto presso “Il Buongustaio”;
  • visita guidata autentica nella Randazzo vecchia.

Non è compresa la visita presso la Casa della Musica e della Liutera, il cui costo aggiuntivo è di 3 euro a persona per i partecipanti al Littorina Social Tour.

Per l’evento dell’ 8 aprile è stato già registrato il sold-out. Per chi volesse comunque partecipare, può raggiungere direttamente in loco (a Randazzo) gli altri partecipanti e unirsi a loro per il pranzo e le passeggiate pomeridiane. Altrimenti, visto il successo riscosso da tale iniziativa, l’organizzazione ha annunciato la fissazione di una seconda data a breve (… e se necessario anche di una terza), per cui sono già aperte le prenotazioni. A tal fine potete inviare una e-mail, indicando il vostro nome, cognome, telefono e numero di partecipanti a Sharingsicily1@gmail.com .

Valeria Citraro

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Facebook
Google+
http://etnaeventi.it/2017/03/30/littorina-social-tour-sabato-8-aprile-2017/
Twitter

1 thought on “Littorina Social Tour: un suggestivo viaggio fino all’affascinante Borgo di Randazzo”

  1. Bellissima iniziativa che potrà essere programmata con frequenza regolare. Quando si dice “scoprire il nostro territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *