In Vino Veg: impariamo a riconoscere il vino vegano

Venerdì 24 marzo, dalle ore 19:00 alle ore 22:30, presso La Bottega Veg in Via Umberto n. 292, sede di Veg Sicilia, si terrà un incontro di degustazione di Vini BioVegan, in collaborazione con la Cantina Marilina e con la Valigia di Bacco. Durante l’incontro, oltre che degustare degli ottimi vini biologici e naturali, i partecipanti impareranno anche come distinguere un Vino Veg (& Bio), da un Vino di origine animale.

“Sì, va beh … manco il vino bevete, voi vegani?”. Una frase che i praticanti la dieta e il lifestyle vegan-friendly avranno sicuramente sentito pronunciare parecchie volte. Forse non tutti sanno, infatti, che in alcuni processi della lavorazione del vino (ad es. per la chiarificazione e stabilizzazione del prodotto) si usano prodotti animali e suoi derivati,  come ad esempio albumina, caseina, colla di pesce o di ossa (scarti della macellazione suina), gelatine animali, e così via. Nel caso del processo di chiarificazione, essi vengono spesso adoperati per rendere il vino più limpido e privo di impurità.

Il vino che beviamo, dunque, non sempre è vegano, malgrado il suo ingrediente base sia l’uva. Benché di queste sostanze animali nel vino rimanga poca o nessuna traccia, esse derivano, comunque, tutte dallo sfruttamento e dall’uccisione di animali. Circostanza, questa, idonea a rendere quel vino, nella cui produzione sono stati utilizzati detti prodotti, certamente non vegan. Ma tranquilli, amici vegani. La soluzione al problema non è certo quella di privarsi a vita della bevanda degli dei, potendo essere utilizzate – nella sua produzione – delle alternative 100% vegetali, quali derivati dalle alghe o anche alcune argille.

Ed invero, le aziende vinicole che ricorrono a tali alternative sono sempre più numerose. Il  “Rapporto In Vino Vegan 2017”, elaborato dall’Osservatorio sui consumi dei vini vegani certificati, ha infatti evidenziato come questa fetta di mercato sia in continua crescita, e come nell’ultimo anno le richieste di certificazione siano cresciute addirittura del 35%. Anche la Sicilia, già leader in Italia nella produzione biologica di vini, pare muoversi nella giusta direzione per diventare ben presto un punto di riferimento importante anche nel settore vitivinicolo vegan.

Il disciplinare di certificazione VeganOk, rappresenta la regolamentazione attualmente più diffusa in Italia e, nella sezione dedicata al vino, contiene le seguenti note specifiche:

  • Ingredienti/Materiali: “Negli alcolici non è consentito l’uso di prodotti di origine animale per la chiarificazione e stabilizzazione del prodotto come ad esempio albumina, caseina, colla di pesce, gelatine animali, ecc..’’;
  • Etichettatura:’Non è consentito l’uso di colle, inchiostri, lubrificanti o qualsiasi altro materiale di origine animale per l’etichettatura e il confezionamento del prodotto. Inoltre l’etichetta non deve contenere indicazioni che fanno riferimento al consumo del vino in abbinamento a piatti di origine animale’’.

Quindi, un primo modo per scoprire se il vino che ci accingiamo a bere è vegano, è sicuramente quello di leggerne l’etichetta!

Valeria Citraro

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Facebook
Google+
http://etnaeventi.it/2017/03/20/in-vino-veg-impariamo-a-riconoscere-il-vino-vegano-degustazione-labottegaveg/
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *