Marzia Ciulla porta a Catania la quarta edizione del Laboratorio di Commedia dell’Arte

 

L’attrice e regista Marzia Ciulla anche quest’anno porta a Catania, per la quarta volta dal 2014, il suo Laboratorio di Commedia dell’Arte. Articolato secondo un format che si è rivelato vincente, strutturato in 12 lezioni che si terranno negli ambienti della “Scuola di recitazione Lucia Sardo” a partire dal prossimo venerdì 17 marzo e con cadenza settimanale (dalle ore 18,30 alle ore 21:30) fino al mese di giugno, il laboratorio si terrà accogliendo un massimo di dieci iscritti. L’iniziativa è realizzata in collaborazione, oltre che con la già citata Scuola di recitazione, con l’Associazione Culturale Gammazita. In particolare, a Gammazita si deve la nascita del progetto “Ursino Buskers”, il primo festival di arti di strada di Catania iniziato anch’esso nel 2014, nell’ambito del quale prenderà forma questo progetto teatrale che ormai è diventato un appuntamento immancabile del periodo primaverile.

Il laboratorio teatrale si articolerà in diverse fasi tutte molto ricche di contenuto. Ai momenti di conoscenza teorica, con accenni alla storia della Commedia dell’Arte, alle caratteristiche delle maschere principali, all’arte dell’improvvisazione e degli schemi fissi ricorrenti in questo tipo di finzione teatrale, seguiranno gli studi dei singoli allievi che impareranno le giuste movenze da eseguire con il corpo e l’adeguata presenza scenica da tenere sul palcoscenico. La protagonista indiscussa sarà la tipica maschera costruita con il cuoio. Ogni studente sceglierà la maschera che sentirà più consona al suo modo di interpretare un ruolo e la comicità e solo a questo punto tutti gli allievi e la maestra inizieranno a provare uno spettacolo da mettere in scena a giugno, la sera della chiusura ufficiale del laboratorio creativo.

Marzia Ciulla è una delle professioniste nel settore dello spettacolo che si è formata laureandosi presso il Corso di Laurea in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo dell’Università degli Studi di Palermo e poi presso “la Scuola di recitazione di Lucia Sardo” di Catania, la stessa scuola con cui ha iniziato a collaborare. L’artista abita da circa 7 anni nel quartiere del Castello Ursino, contribuendo con la sua arte a mantenere viva una tradizione secolare che ci ha regalato alcune delle maschere più celebri della storia (Arlecchino, Pantalone, ed altre) ed a dimostrare che anche una terra come la Sicilia può dare molto a chi sceglie di restare, seppur con tutte le difficoltà economiche che riguardano nostro momento storico. In un’intervista rilasciata lo scorso anno alla testata onlineSicilia & Donna”, in concomitanza con l’inizio della terza edizione del laboratorio, Marzia Ciulla ha dichiarato di voler mettere la sua professionalità al servizio della Sicilia, per lavorare in futuro sulle maschere poco conosciute della Commedia dell’Arte siciliana. L’artista, attrice e regista, ha affermato: “È in Sicilia che voglio rimanere, e Catania è una città piena di fermento e potenzialità artistiche, non sempre valorizzate o incoraggiate. La Commedia dell’Arte non può che contribuire a tale ricchezza. Da parte mia ci metto la passione per il teatro, e la gioia nel farlo, condividendo tutto con chi ha voglia di sperimentarsi in questo genere teatrale.”

Eventi come questo riescono a prendere vita grazie al sostegno ed all’aiuto di altre organizzazioni che operano in ambito locale, ed in questo caso bisogna dare ampio merito all’Associazione culturale Gammazita, un’associazione di cui fanno parte molti giovani volontari che si dedicano alla riqualificazione delle aree urbane del centro storico della città di Catania (zona Castello Ursino), secondo un senso di appartenenza civica che dovrebbe essere parte integrante del codice  morale di ogni buon cittadino. La riqualificazione operata da questi ragazzi si manifesta secondo due direttrici: una rivolta alla cura delle cose, attraverso piccole opere di abbellimento volte a migliorare l’aspetto di piazze e strade, ed una seconda rivolta alla cura delle persone, organizzando giochi e laboratori creativi con lo scopo di dare ai ragazzi delle possibilità che li allontanino da strade potenzialmente pericolose. Il fulcro della loro attività è Piazza Federico di Svevia, trasformata nell’accogliente Piazza dei Libri: una piccola biblioteca a cielo aperto che aspetta tutti senza discriminazione, e che è capace di accogliere ogni tipo di cultura e di forme di socialità.

Per la locandina e le informazioni per le prenotazioni al laboratorio

Maria Mento

 

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Facebook
Google+
http://etnaeventi.it/2017/03/03/marzia-ciulla-porta-a-catania-la-quarta-edizione-del-laboratorio-di-commedia-dellarte/
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *